OdontotecnicaNaturale è un network che unisce gli operatori del settore dentale sensibili al tema della biocompatibilità e fornisce una sorta di marchio di qualità a quelli che tra loro utilizzino materiali rispettosi della salute del paziente. OdontotecnicaNaturale

è un network che unisce gli operatori del settore dentale sensibili al tema della biocompatibilità e fornisce una sorta di marchio di qualità a quelli che tra loro utilizzino materiali rispettosi della salute del paziente.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Elettrogalvanismo e dissociazione ionica (.Pdf)

Elettrogalvanismo e dissociazione ionica - Abstract (.Pdf)

 

Le leghe che vengono usate in odontoiatria, anche se controllate per purezza e tollerabilità, in seguito a lavorazione non corretta e soprattutto se si tratta di leghe dette “vili”, possono innescare ossidazione con produzione più o meno marcata di ioni e dare l’avvio a patologie orali o a sintomatologie- all’inizio dette funzionali- ed in seguito tramutarsi in vere e proprie patologie degenerative o addirittura concorrere a deficit od alterazioni immunitarie.

A causa della saliva, la presenza di altri inquinanti ambientali e non, una alimentazione non perfettamente adatta, una lavorazione male eseguita in laboratorio anche con riutilizzo massivo di vecchia lega anche se di ottima qualità- per questi ed altri motivi- si modifica e da reticolo cristallino regolare si passa ad una forma instabile con elettroni liberi ed elevato potenziale elettrochimico, con formazione di ossidi che diffonderanno continuamente nell’organismo.

Purtroppo, a fine del processo produttivo, qualsiasi oggetto al 99% è inquinato: vuoi per lo stesso passaggio di stato (solido-liquido-solido), vuoi per i materiali stessi utilizzati in tutto il ciclo produttivo, dalla cera al rivestimento, al crogiolo, alle sostanze per la fusione stessa, l’interazione atmosferica, gas, sistemi e materiale di rifinitura, acidi, sabbiature, gli stessi contenuti nel cassetto, l’errato trattamento termico detto di ossidazione, senza dimenticare che alcuni componenti sono loro stessi ritenuti inquinanti.

Il corso ha lo scopo di analizzare l’aspetto e il comportamento chimico dei materiali in ambito odontoprotesico, l’imprudenza e/o la tranquillità nel rispetto della propria responsabilità Professionale, di acquisire valore aggiunto intrinseco e nei riguardi della Salute del Consumatore, nonché quello di analizzare un protocollo ed una sostanza che applicata su oggetti metallici in lega soltanto a base aurea durante il percorso di realizzo, muta quella presenza elettrodinamica in una forma statica; questa sistematica non solo inibisce la classica attività elettrogalvanica con la conseguente dissociazione ionica dei metalli verso i tessuti e i liquidi etc. ma, avvalora in modo eccezionale le caratteristiche tecniche qualitative, estetiche e biologiche.

Obiettivi didattico/formativi La presenza di leghe preziose nelle protesi odontoiatriche può comportare l’insorgenza di problemi legati alla composizione delle stesse leghe utilizzate. Vengono fornite cognizioni tecniche e metodologie per consentire, durante la fabbricazione del manufatto protesico, di ovviare successivamente a questi eventuali problemi, mediante trattamenti operati sulle leghe in questione.

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva

Uno studio pubblicato sul numero di settembre 2009 del Journal of the American Ceramic Society condotto dagli studiosi  Jérôme Chevalier, Laurent Gremillard, Anil V. Virkar, David R. Clarke conferma che l’utilizzo della zirconia nel campo biomedico, quindi anche nel settore delle protesi odontoiatriche, non è così indenne da problemi come riportato dalle aziende che distribuiscono i materiali odontoiatrici sulle proprie schede di sicurezza.

 

Valutazione attuale: 3 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella inattivaStella inattiva

Protocollo e peculiarità positive con la Bioinertizzazione TTSVGEL

Scarica il documento in formato .pdf

Odontotecnicanaturale.it

Gli ossidi e la corrosione come fenomeno elettrochimico
e loro soluzione”

Trattamento Termico di Inertizzazione Cinetica sotto strato vetroso,
di una struttura protesica in lega preziosa: vantaggi tecnici, biologici ed estetici dell’eliminazione degli ossidi dal metallo con il sistema TTSV.Gel

Le peculiarità positive del suddetto protocollo su leghe nobili e preziose, esenti da rame, ferro e cobalto!

Il prodotto , il protocollo  afferisce ai dispositivi protesici tutta una serie di peculiarità positive:

1) stabilità elettrochimica atomica della lega con tutti i suoi elementi di composizione;

2) una stabilità nel cuore a livello elettronico del nucleo centrale di ogni elemento di composizione, nel senso che, attribuisce una inerzia totale a livello elettronico e di tutti gli altri elementi di composizione atomica, una tranquillità totale; Il tutto previene non solo il mancato effetto elettrogalvanico ma, soprattutto inibisce la reazione di ossidazione;

3) stabilità e precisione al manufatto, dall'inizio alla fine post ceramizzazione;

4) rapporto diretto tra struttura metallica, opaco, e ceramica;

5) una sinterizzazione del opaco e della ceramica;

6)Traslucenza nettamente superiore della ceramica con colori più affidabili e vivaci, una resistenza superiore di compressione della ceramica; 

7) Temperature di cottura inferiore a quelle indicate di solito.

8) molteplici esposizioni ad alta temperatura senza il rischio di modifiche di forma della ceramica.

Oltre tutti questi vantaggi tecnici, ci sono vantaggi a livello di integrazione biologica e tutto quello che ne previene in relazione a fenomeni patologici e autoimmuni di cui sono molto importanti. Un altro vantaggio molto più importante è quello delle responsabilità civile e penale nel momento in cui si rilascia un certificato di conformità ove tutto si fa ma non si capisce in quali beghe ci si va ad infilarsi se non si capisce delle responsabilità che ci si assume quando un materiale scatena effetti collaterali.

Il protocollo esclude l uso della sabbiatrice ma, invece l uso della vasca ad ultrasuoni.

Il primo protocollo appena dopo la fusione ed il secondo prima di applicare l opaco per poi  la ceramica.

Il legame metallo ceramica è diretto, gli ossidi sono un isolante per il legame.

Il legame è per ritenzione meccanica sotto vuoto a pressione e per dilatazione termica.

Quindi la rifinitura è molto grezza con un disco separatore lima a una faccia lavorante.

Per quanto riguardo poi l aspetto economico invece, il kit viene venduto a €. 900,00 più iva più trasporto, la merce viene spedita a seguito la ricezione del bonifico.

Oltre gli accessori ed Il gel con cui si realizzano circa 600 elementi per i due passaggi ad un costo ciascuno di circa €. 0,50, il kit prevede la concessione,  il know how d'uso prettamente in campo odontotecnico.

Prevede 2 abstract per la comunicazione, via mail il volantino cosa ti sei messo in bocca, il certificato di conformità personalizzabile per ogni paziente e/per dello studio odontoiatrico.

In più qualsiasi consulenza tecnica metallurgica di supporto mediante la comunicazione telefonica come anche attraverso video skype rosario.muto1

Rosario Muto
Esperto Consulente Tecnico 
C.T.U. 893 Odontotecnico
Ricercatore autonomo, esperto dei materiali dentali,
protocolli di lavorazione e di biocompatibilità.
Tel. 0574635856 cell. 338 9302983